SUPERA CERBERO E COME ERCOLE VALICA GLORIOSO LA PORTA CHE CONDUCE ALL’ AGOGNATO OLIMPO (Parte 3)

Eccola qui!

l’ultima testa di quel famigerato Cerbero che tanto ti ha spaventato ed hai temuto fino ad oggi.

 

Quello stesso Cerbero che ormai stai per domare e sconfiggere.

 

Infatti hai già imparato a gestire ben due delle tre teste:

 

Ormai lo spaventoso Cerbero è ridotto a poco più di un docile cagnolino da salotto.

È rimasto un ultimo sforzo.

L’ultima testa da tagliare.

Data la sua importanza, probabilmente avrei dovuto metterla come PRIMA!

Ma ho reputato che per affrontarla DEGNAMENTE, come si confà ad un rivale valoroso,

DOVEVI ESSERE PRONTO

E se hai seguito le precedenti due puntate sono sicuro che ora lo sei.

 

Nel caso tu non le avessi seguite o te le fossi perse

ASPETTA

Fermati un attimo.

È davvero importante.

Vai subito a ripescarle

Fatto, potrai riprendere la lettura di questo contributo.

 

LA TERZA TESTA: L’INTENSITA’

Sai cosa vuol dire INTENSITA’?

Ti dico cosa intendo io.

La mia versione di intensità.

 

Puoi intendere il termine intensità come:

“Lo sforzo che i tuoi muscoli devono compiere in un certo istante”

Puoi misurarlo in scala 10 o 100, poco cambia.

Infatti uno sforzo pari a 10 o pari al 100% ti porta a sperimentare il blasonato

CEDIMENTO MUSCOLARE

Cioè quella sensazione che puoi osservare quando non sei più in grado di produrre una forza muscolare tale da battere la resistenza del carico.

Madonna come ho parlato difficile!

È quando:  “Rimani sotto i pesi”

E come avviene questo strano fenomeno sconosciuto ai più?

Vediamolo insieme.

All’inizio del tuo bell’esercizio, tu sperimenti una intensità pari a 0.

Cominci a macinare ripetizioni:

  • 1
  • 2
  • 3
  • ….

che divengono man mano più difficili.

Così difficili che  puoi arrivare ad un punto in cui non riesci più a spostare il carico e, come detto, rimani sotto.

Ti suona familiare?

Molto bene!

QUESTO È IL 100% DELL’INTENSITÀ

 

ATTENZIONE

Quando finisci A MALAPENA l’ultima ripetizione e abbassi il carico per completare la serie,

L’ESERCIZIO NON È STATO AD INTENSITA’ 100

Il 100% è SOLO quando non ne hai più.

Quando, anche con una pistola puntata alla tempia, non esce quella ripetizione

 

 

La mia personale esperienza mi porta a dire che la stragrande maggioranza delle persone, me compreso fino a qualche tempo fa, PENSA SOLO che sia arrivata alla sua massima intensità.

 

MA, PURTROPPO, È SOLO UN LIMITE MENTALE QUELLO CHE HAI RAGGIUNTO

 

Limite mentale che dipende da un complesso meccanismo di autodifesa o da qualche altrettanto complesso meccanismo di autostima.

 

Ne casi peggiori, il distacco dal momento dell’allenamento è così forte che qualcuno si limita a CONTARE le ripetizioni.

In modo scolastico.

Aspettandosi così un bel “BRAVO!” alla fine dell’insignificante compitino che pensa di aver svolto egregiamente.

 

Peccato che il corpo non funziona come la scuola.

Anzi

MENO MALE!

 

Il corpo risponde solo a degli stimoli.

A quegli stimoli che gli vengono imposti dall’esterno.

E che ne mettono a repentaglio la sua stessa esistenza.

 Capendo se è stato sufficientemente BRAVO da sopravvivere o se è necessario che si inventi qualcosa per non rischiare di nuovo di morire sotto i pesi.

 

Ricordi il Principio SAID di cui ti ho parlato nei contributi precedenti?

Esatto!

Il trucco è tutto qui!

  • E COSÌ CHE CAMBI!
  • E COSÌ CHE DIVENTI PIÙ FORTE!
  • E COSÌ CHE FOTTUTAMENTE MIGLIORI!

 E perciò reputo questo parametro il più importante dei tre.

Ma anche il più difficile da gestire.

 Il più complesso!

 Perché ci vuole esperienza.

Ci vuole umiltà.

 Ed è su questa testa che io personalmente valuto la maturità di un atleta.

 

QUANDO UN ATLETA PUÒ DEFINIRSI AVANZATO?

 

Quando ogni giorno si sente un principiante, certo!

Questa è la condizione NECESSARIA.

Ma c’è di più.

A mio modo di vedere le cose:

 

UN ATLETA PUÒ DEFINIRSI AVANZATO, QUANDO RIESCE AD ESPRIMERE LA MASSIMA INTENSITÀ CON LA MINORE FREQUENZA E VOLUME POSSIBILE

 È un concetto molto articolato, ne sono consapevole.

Non dimenticare che l’attività in palestra, bodybuilding o allenamento con sovraccarico o chiamala come vuoi, è una attività DIFFERENTEMENTE PRESTATIVA.

 Cosa intendo dire?

 Il miglioramento fisico che passa per il miglioramento estetico NON HA una asticella OGGETTIVA da superare.

 Non ci sono lunghezze da superare o tempi da abbassare.

 

  • È VISCERALE
  • NASCE DAL PROFONDO
  • È QUESTIONE DI FEELING

 

Difficilmente spiegabile.

Va vissuta!

Fatta provare!

Fatta respirare!

Non va letta su un libro tanto di moda in questi giorni!

 Va provata sulla propria pelle.

Per questo motivo l’intensità ha bisogno di tempo e applicazione per essere sperimentata.

 

Per questo motivo un atleta può essere visto come avanzato quando ancora ricerca al suo interno quel feeling viscerale con il workout che non si può spiegare.

 

A me non resta che ringraziarti per avermi seguito in questa trilogia mitologica.

Spero che il mio vaneggiare ti sia servito per farti fare qualche domanda in più.

Per cambiare un po’ la tua prospettiva.

 E ti sono grato per avermi sopportato.

 

Ho quindi deciso di

 

REGALARTI NON UNO

MA BEN DUE BONUS!!!

 

Cerbero aveva anche: 

Tutto il suo corpo ricoperto, anziché di peli, di velenosissimi serpenti, che ad ogni suo latrato si rizzano, facendo sibilare le proprie orrende lingue…

 

Ecco, IL PROSSIMO CONTRIBUTO, sarà la ciliegina sulla torta!

Avrai la possibilità di conoscere in

 ANTEPRIMA ASSOLUTA

il modo segreto da adottare per non farti spaventare da queste orride creature ed entrare nell’Olimpo non solo come un Ercole vittorioso.

Ma come un Ercole vittorioso che cammina al passo con il suo docile Cerbero, ormai domato, educato  e scodinzolante.

 

Ma avevo detto che i bonus erano due!

Infatti!

 

SCRIVENDO ALLA MAIL

maxcorallo.coach@gmail.com

CITANDO NELL’OGGETTO

“HO SCONFITTO CERBERO! SONO PRONTO!”

(Così come ho scritto io, punteggiatura inclusa. Ti consiglio di fare un copia/incolla)

ED INDICANDO NEL CORPO DELLA MAIL TUTTI I TUOI DATI,

RICEVERAI GRATUITAMENTE UNA COPIA DEL MIO LIBRO

 

A presto,

Coach Max