IL CHEAT MEAL TI UCCIDE!

 

Stavo leggendo la preparazione e avevo una domanda: non vedo il pasto libero, come mai?

Di solito è una delle primissime domande che mi fanno le persone con cui collaboro.

Eppure, solitamente, la mia consulenza tra alimentazione, integrazione e alimentazione, comprende circa 8-12 pagine!

Certo, poi arrivano anche le altre domande.

Tuttavia quella d’esordio è quasi sempre la semplice:

“Perché non vedo scritto pasto libero?”

La mia risposta è altrettanto semplice e scontata: “non lo vedi, perché non c’è!

Bastardo!

Non lo dicono, ma so che lo pensano.

Lo so perché è la stessa cosa che ho pensato io quando è capitato a me.

Solo in seguito, ho capito che anche questa specie di divieto aveva un senso.

Continua a leggere anche tu e scoprirai:

COME IL CHEAT MEAL FRENERÀ I TUIO PROGRESSI

 

Ma Come?

Ma c’è chi dice che è addirittura necessario.

Altrimenti si blocca il metabolismo

In effetti non è proprio così che funziona.

Nel breve periodo (inteso come qualche mese) direi che puoi stare tranquillo che questo non succederà.

Non ti si bloccherà nulla e stai pur certo che continuerai ad essere sano come un pesciolino.

È molto più importante, invece, che tu inizi a decollare, a staccarti da terra, a spiccare il volo verso i tuoi obbiettivi. E come succede per gli aerei, è proprio il decollo la parte più tosta!

Immagina, quindi, cosa succede a un aereo che sta per decollare dalla pista.

Accelera sempre di più per raggiungere una velocità tale che poi gli consentirà di sconfiggere le leggi della fisica e, infine, staccarsi da terra.

 

I motori rombano, l’acceleratore è a fondo e la velocità aumenta.

Poi, di colpo, decellera.

Così, all’improvviso.

Poi, di nuovo, ricomincia ad accelerare per decollare.

Macina metri per metri aumentando la sua velocità. Consumando inesorabilmente la pista a disposizione.

Però, all’improvviso, di nuovo, i motori perdono potere. Diminuisce la velocità ed eccolo lì, di nuovo col culo piantato a terra!

Secondo te, quando decollerà questo aereo?

Quanta pista dovrà avere a disposizione?

 

Beh, devi sapere che quell’aereo che vuole decollare sei proprio TU che affronti il tuo percorso alimentare.

Tu, che giorno dopo giorno segui quella tabella e le direttive, accelerando verso il risultato.

La sua corsa a velocità crescente non è altro che la tua. E anche la sua frenata!

All’improvviso infatti arriva il week-end e fai il pasto libero.

Succede che rallenti, deceleri, ti allontani dal successo.

Per poi, ricominciare il lunedì e rifrenare il week-end successivo.

E decollare mai!

Ti è successo così, vero? Sei arrivato ad un certo punto in cui i risultati erano scarsi o addirittura nulli.

E ti sei chiesto “perché?”.

Perché? Eppure hai fatto il bravo! Hai seguito tutte le istruzioni e le tabelle.

Dal lunedì’ al venerdì, ma l’hai seguite!

E allora perché capita proprio a te?

Continua a seguirmi e lo capirai.

 

È molto semplice, anche se si tratta di matematica.

Ho già parla

to in altri articoli sul blog di come alla base di tutto c’è la matematica.

 

Se vuoi, puoi comodamente darci un occhio appena avrai finito questa lettura.

Dicevo, alla base del discorso c’è la matematica.

Immagina, infatti, di dovere seguire un programma che prevede 1000 kcal/gg per portarti al tuo obbiettivo.

Tu fai il bravo, e dal lunedì al sabato fai esattamente così.

Quindi hai, 5 gg=5000 kcal.

Poi, arriva la domenica e fai il tuo pasto libero, a cena.

Diciamo che consumi 500 kcal e poi vai a mangiare la tua bella pizza con gli amici (Pizza = pizza + dolcino +birretta = 1500 kcal, circa).

Così, arrivi ad un totale di 2000 kcal.

2000 kcal = due giorni del tuo regime standard

Cioè, inizierai il lunedì successivo con uno zainetto di circa due giorni!

Cosa significa?

Significa che per stare a pari, dovresti iniziare a mangiare il mercoledì!

Ma non accade così e ricominci a fare il bravo dal lunedì per sei giorni.

Quindi, la nuov

a settimana la comincerai con uno zainetto ancora più pesante.

Il risultato? Lo zainetto diventa sempre più grosso e il tuo obbiettivo sempre più lontano.

 

Strano eh?

 

Ma quindi devo dimenticarmi di mangiare da persona normale e continuare a sacrificarmi all’infinito?

NO!

E comincia a chiederti:

  1. Cosa vuol dire mangiare come una persona normale?

Mica sei Ufo Robot che mangi insalata di matematica!

È molto più semplice!

Vuoi raggiungere un obbiettivo che ora non hai.

Quindi devi fare qualcosa che ora non fai e lo devi fare finché sarà necessario.

 

Poche storie, altrimenti ti stai prendendo in giro!

 

  1. Cosa vuol dire “fare sacrifici”?

Quando usi l’auto metti la benzina, no?

E la paghi, vero?

È naturale, si fa così. È logico!

Quindi perché ti sembra un enorme sacrificio seguire una giusta alimentazione per raggiungere il tuo obbiettivo?

Benzina → paghi prezzo → hai la benzina

Fitness → paghi prezzo → hai il risultato

Mi sembra uguale, a te?

Certo, come più volte ho detto, ognuno ha i suoi tempi.

Ognuno è un universo a parte.

Ma questo serve solo a descrivere il percorso più idoneo ad ognuno.

La parte più importante è che se desideri qualcosa che non hai, devi metter in moto delle azioni che ti porteranno a ottenere ciò che desideri.

Il resto è chiacchere e le chiacchiere stanno a zero!

Ora, tornando al tuo bel pasto libero, per farla corta, comincerà ad esserci quando te lo potrai permettere!

 Quando finalmente sarai decollato e sarai in volo.

Quando una piccola perdita di quota te la potrai permettere perché starai volando a 10000 metri.

Come un’aquila.

Quando potrai permetterti di  godere dei pasti liberi, allora quel giorno sarà l’evidenza, la prova schiacciante che tu, il tuo obbiettivo, lo hai raggiunto e superato!

E forse, quel pasto libero, non sarà poi così fondamentale.

 

Coach Max

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.